Che fare, quando fare, se fare. Un'indagine sui processi reconditi dell'atto volontario eBook

DATA
2016
NOME DEL FILE
Che fare, quando fare, se fare. Un'indagine sui processi reconditi dell'atto volontario.pdf
DIMENSIONE
2,10 MB
AUTORE
Germana Pareti,Antonio G. Zippo
Ristorantezintonio.it Che fare, quando fare, se fare. Un'indagine sui processi reconditi dell'atto volontario Image

Leggi il libro di Che fare, quando fare, se fare. Un'indagine sui processi reconditi dell'atto volontario direttamente nel tuo browser. Scarica il libro di Che fare, quando fare, se fare. Un'indagine sui processi reconditi dell'atto volontario in formato PDF sul tuo smartphone. E molto altro ancora su ristorantezintonio.it.

DESCRIZIONE

Ha ancora senso, oggi, il dibattito classico sul libero arbitrio, frutto più di preoccupazioni teologiche che non di dilemmi morali? Perché i filosofi, e sovente persino gli scienziati, considerano il cervello un rozzo substrato materiale, che senza l'apporto dell'homunculus non sembra rivestire alcun ruolo ai fini della scelta e della libera decisione? È ancora possibile sostenere la tesi della consapevolezza dell'agire volontario, se esistono prove di processi determinanti inconsci in aree corticali? "Coscienza" e "volontà" sono stati tra di loro inscindibili? Sono alcuni dei quesiti al centro di questo studio, che si propone di offrire un contributo al dibattito attuale su intenzioni, decisioni e azioni, facendo emergere il ruolo dei meccanismi corticali coinvolti nell'atto volontario e consapevole, con particolare riferimento ai risultati delle recenti ricerche neuroscientifiche, che hanno rivitalizzato la discussione sul tema avviata negli anni Ottanta dagli esperimenti pionieristici di Benjamin Libet.

Che fare, quando fare, se fare: Un'indagine sui processi ...

Che fare, quando fare, se fare. Un'indagine sui processi reconditi dell'atto volontario è un ebook di Pareti Germana|Zippo Antonio G. pubblicato da Rosenberg & Sellier al prezzo di € 6,99 il file è nel formato epb

Ha ancora senso, oggi, il dibattito classico sul libero arbitrio, frutto più di preoccupazioni teologiche che non di dilemmi morali? Perché i filosofi, e sovente persino gli scienziati, considerano il cervello un rozzo substrato materiale, che senza l'apporto dell'homunculus non sembra rivestire alcun ruolo ai fini della scelta e della libera decisione? È ancora possibile sostenere la tesi della consapevolezza dell'agire volontario, se esistono prove di processi determinanti inconsci in aree corticali? "Coscienza" e "volontà" sono stati tra di loro inscindibili? Sono alcuni dei quesiti al centro di questo studio, che si propone di offrire un contributo al dibattito attuale su intenzioni, decisioni e azioni, facendo emergere il ruolo dei meccanismi corticali coinvolti nell'atto volontario e consapevole, con particolare riferimento ai risultati delle recenti ricerche neuroscientifiche, che hanno rivitalizzato la discussione sul tema avviata negli anni Ottanta dagli esperimenti pionieristici di Benjamin Libet.

Che fare, quando fare, se fare : Un'indagine sui processi ...

CHE FARE, QUANDO FARE, SE FARE. UN INDAGINE SUI PROCESSI RECONDITI DELL'ATTO VOLONTARIO pareti germana; zippo antonio g. Disponibilità: Normalmente disponibile in 5 giorni Attenzione: causa emergenza sanitaria sono possibili ritardi nelle spedizioni e nelle consegne.