Cinemascope. Un delitto alla moviola per Greta e Marlon eBook

DATA
2017
NOME DEL FILE
Cinemascope. Un delitto alla moviola per Greta e Marlon.pdf
DIMENSIONE
5,49 MB
AUTORE
Erica Arosio,Giorgio Maimone
Ristorantezintonio.it Cinemascope. Un delitto alla moviola per Greta e Marlon Image

Cinemascope. Un delitto alla moviola per Greta e Marlon PDF. Cinemascope. Un delitto alla moviola per Greta e Marlon ePUB. Cinemascope. Un delitto alla moviola per Greta e Marlon MOBI. Il libro è stato scritto il 2017. Cerca un libro di Cinemascope. Un delitto alla moviola per Greta e Marlon su ristorantezintonio.it.

DESCRIZIONE

Candidato al Premio Giorgio Scerbanenco 2017 per il miglior romanzo noir italiano. Milano, novembre 1963. Un industriale con la passione per il cinema viene trovato impiccato. Omicidio o suicidio? Milano, autunno 1963. I giornali strillano in prima pagina l'assassinio di John Kennedy. Relegata nella cronaca locale, invece, la notizia della morte di Edilio Borghini, un industriale del bianco che viene trovato impiccato nella sua villa di via Monte Rosa. Omicidio? Suicidio? Gioco erotico finito male? La prima sospettata è Francesca Pagliani, un'attricetta per cui la vittima aveva perso la testa. La morte di Borghini avrà le sue radici nella sua litigiosa famiglia, dove l'algida moglie è ai ferri corti col cognato invidioso ed è odiata dal cugino giocatore, oppure nella sua industria di elettrodomestici, retta con pugno d'acciaio dal direttore Piergiorgio Coda? O sarà nascosta nei suoi filmini da regista dilettante, protagoniste le tante donne di cui si circondava? La strada per la soluzione del mistero è lunga e costellata di cadaveri. Una nuova avventura per l'avvocato Greta Morandi e il detective Mario Longoni (Marlon), la coppia che indaga nella Milano degli anni Sessanta, dove il boom cede il passo alla congiuntura, i lavori per la metropolitana non finiscono mai e la Dolce vita e la passione per il cinema iniziano a sbarcare anche sui Navigli.

ARTE - la Repubblica.it

Siamo alla fine del 1963, sui giornali in prima pagina la notizia della morte del presidente Kennedy. Nelle pagine interne il suicidio di Edilio Borghini, industriale del bianco, che ha creato un impero, partendo dalla fabbrica di stufe del nonno. Francesca Pagliani, stella nascente del cinema e della pubblicità italiana e presunta amante di Borghini, chiede a Marlon di trovare le prove che ...

Candidato al Premio Giorgio Scerbanenco 2017 per il miglior romanzo noir italiano. Milano, novembre 1963. Un industriale con la passione per il cinema viene trovato impiccato. Omicidio o suicidio? Milano, autunno 1963. I giornali strillano in prima pagina l'assassinio di John Kennedy. Relegata nella cronaca locale, invece, la notizia della morte di Edilio Borghini, un industriale del bianco che viene trovato impiccato nella sua villa di via Monte Rosa. Omicidio? Suicidio? Gioco erotico finito male? La prima sospettata è Francesca Pagliani, un'attricetta per cui la vittima aveva perso la testa. La morte di Borghini avrà le sue radici nella sua litigiosa famiglia, dove l'algida moglie è ai ferri corti col cognato invidioso ed è odiata dal cugino giocatore, oppure nella sua industria di elettrodomestici, retta con pugno d'acciaio dal direttore Piergiorgio Coda? O sarà nascosta nei suoi filmini da regista dilettante, protagoniste le tante donne di cui si circondava? La strada per la soluzione del mistero è lunga e costellata di cadaveri. Una nuova avventura per l'avvocato Greta Morandi e il detective Mario Longoni (Marlon), la coppia che indaga nella Milano degli anni Sessanta, dove il boom cede il passo alla congiuntura, i lavori per la metropolitana non finiscono mai e la Dolce vita e la passione per il cinema iniziano a sbarcare anche sui Navigli.

Ioleggoperché - Erica Arosio, in uscita con il suo nuovo...

Una nuova avventura per l'avvocato Greta Morandi e il detective Mario Longoni (Marlon), la coppia che indaga nella Milano degli anni Sessanta, dove il boom cede il passo alla congiuntura, i lavori per la metropolitana non finiscono mai e la Dolce vita e la passione per il cinema iniziano a sbarcare anche sui Navigli.