Meglio star zitti? Scritti militanti su letteratura cinema teatro eBook

DATA
2019
NOME DEL FILE
Meglio star zitti? Scritti militanti su letteratura cinema teatro.pdf
DIMENSIONE
4,71 MB
AUTORE
Giovanni Raboni
Ristorantezintonio.it Meglio star zitti? Scritti militanti su letteratura cinema teatro Image

Siamo lieti di presentare il libro di Meglio star zitti? Scritti militanti su letteratura cinema teatro, scritto da Giovanni Raboni. Scaricate il libro di Meglio star zitti? Scritti militanti su letteratura cinema teatro in formato PDF o in qualsiasi altro formato possibile su ristorantezintonio.it.

DESCRIZIONE

Meglio star zitti? raccoglie centosettanta stroncature firmate da Giovanni Raboni in quarant'anni di attività critica: interventi talvolta garbati, più spesso sarcastici e addirittura spietati, tesi a mettere in discussione il valore e il significato di prodotti artistici (romanzi, poesie, film, spettacoli teatrali) e di fenomeni di costume. Ne fanno le spese nomi blasonati: Woody Allen, Italo Calvino, Umberto Eco, Federico Fellini, Dario Fo, Giorgio Gaber, Ernest Hemingway, Milan Kundera, Pier Paolo Pasolini e tanti altri. Inflessibile nella difesa della qualità, Raboni condanna la deriva consumista della produzione culturale italiana del dopoguerra, rivendicando la responsabilità primaria del critico militante: essere per il pubblico una guida attendibile e onesta, chiamata a distinguere il "vero" dal "falso". Compito che va sempre più assumendo i toni di una solitaria e disperata sfida etica.

Meglio star zitti ? Un libro e uno stile di vita ...

Per gli Oscar Moderni della Mondadori è uscito "Meglio star zitti? Scritti militanti su letteratura cinema teatro", curato da Luca Daino che ha raccolto una bibliografia ragionata di testi critici di Giovanni Raboni. 170 recensioni o meglio "stroncature" firmate in quarant'anni di professione per il Corriere.

Meglio star zitti? raccoglie centosettanta stroncature firmate da Giovanni Raboni in quarant'anni di attività critica: interventi talvolta garbati, più spesso sarcastici e addirittura spietati, tesi a mettere in discussione il valore e il significato di prodotti artistici (romanzi, poesie, film, spettacoli teatrali) e di fenomeni di costume. Ne fanno le spese nomi blasonati: Woody Allen, Italo Calvino, Umberto Eco, Federico Fellini, Dario Fo, Giorgio Gaber, Ernest Hemingway, Milan Kundera, Pier Paolo Pasolini e tanti altri. Inflessibile nella difesa della qualità, Raboni condanna la deriva consumista della produzione culturale italiana del dopoguerra, rivendicando la responsabilità primaria del critico militante: essere per il pubblico una guida attendibile e onesta, chiamata a distinguere il "vero" dal "falso". Compito che va sempre più assumendo i toni di una solitaria e disperata sfida etica.

Raboni, la critica è coraggio

Scritti militanti su letteratura cinema teatro, Mondadori, 2019. Bibliografia critica: - Si raccomanda lo studio delle tappe fondamentali della storia italiana fra il 1945 e il 1990, da svolgersi con il supporto di un buon manuale scolastico o di un volume di taglio divulgativo (per esempio: Guido Crainz, L'Italia repubblicana, Giunti, 2000).