Prigioniera volontaria. Il diario di una crocerossina a Udine dopo Caporetto eBook

DATA
2016
NOME DEL FILE
Prigioniera volontaria. Il diario di una crocerossina a Udine dopo Caporetto.pdf
DIMENSIONE
5,91 MB
AUTORE
none
Ristorantezintonio.it Prigioniera volontaria. Il diario di una crocerossina a Udine dopo Caporetto Image

Prigioniera volontaria. Il diario di una crocerossina a Udine dopo Caporetto PDF. Prigioniera volontaria. Il diario di una crocerossina a Udine dopo Caporetto ePUB. Prigioniera volontaria. Il diario di una crocerossina a Udine dopo Caporetto MOBI. Il libro è stato scritto il 2016. Cerca un libro di Prigioniera volontaria. Il diario di una crocerossina a Udine dopo Caporetto su ristorantezintonio.it.

DESCRIZIONE

A ventun anni Paola di Colloredo Mels è crocerossina nell'ospedale di Toppo Wasserman dove la madre Costanza era ispettrice udinese delle crocerossine. Quando con Caporetto gli ospedali intorno a Udine furono svuotati, rimasero circa 500 malati e feriti intrasportabili, Costanza e Paola decisero di rimanere ad assisterli perché la gran parte dei medici e infermieri erano fuggiti: "era nostro dovere rimanere per quei 500 feriti dei quali in eterno mi sarebbe rimasto vivo il loro urlo pietoso". Solo che ad essi si aggiunsero altre migliaia di feriti nei combattimenti della ritirata del 28 e 30 ottobre 1917. Portando cibo e medicine, a spese proprie, ai circa 2.000 ricoverati abbandonati nell'ospedale del Seminario nei giorni della ritirata e dell'occupazione, Costanza e Paola, salvarono la vita ad alcune centinaia di soldati. Il diario di quel rimanere coraggiosamente ad Udine per dare un significato profondo e concreto al proprio senso di responsabilità e di dovere, al di là dell'interesse personale, è una sorta di manifesto del protagonismo femminile che quella guerra fece emergere in Italia.

Prigioniera volontaria. Il diario di una crocerossina a U ...

Prigioniera Volontaria. Il Diario Di Una Crocerossina Dopo Caporetto è un libro di Di Colloredo Mels Paola edito da Gaspari a gennaio 2016 - EAN 9788875414696: puoi acquistarlo sul sito HOEPLI.it, la grande libreria online.

A ventun anni Paola di Colloredo Mels è crocerossina nell'ospedale di Toppo Wasserman dove la madre Costanza era ispettrice udinese delle crocerossine. Quando con Caporetto gli ospedali intorno a Udine furono svuotati, rimasero circa 500 malati e feriti intrasportabili, Costanza e Paola decisero di rimanere ad assisterli perché la gran parte dei medici e infermieri erano fuggiti: "era nostro dovere rimanere per quei 500 feriti dei quali in eterno mi sarebbe rimasto vivo il loro urlo pietoso". Solo che ad essi si aggiunsero altre migliaia di feriti nei combattimenti della ritirata del 28 e 30 ottobre 1917. Portando cibo e medicine, a spese proprie, ai circa 2.000 ricoverati abbandonati nell'ospedale del Seminario nei giorni della ritirata e dell'occupazione, Costanza e Paola, salvarono la vita ad alcune centinaia di soldati. Il diario di quel rimanere coraggiosamente ad Udine per dare un significato profondo e concreto al proprio senso di responsabilità e di dovere, al di là dell'interesse personale, è una sorta di manifesto del protagonismo femminile che quella guerra fece emergere in Italia.

Prigioniera volontaria. Il diario di una crocerossina a ...

Prigioniera volontaria. Il diario di una crocerossina a Udine dopo Caporetto (Italiano) Copertina flessibile - 1 gen 2016 di Paola Di Colloredo Mels (Autore), T. Ricardi di Netro (a cura di)