Per la città di Roma. Mario Ridolfi urbanista 1944-1954 eBook

DATA
2013
NOME DEL FILE
Per la città di Roma. Mario Ridolfi urbanista 1944-1954.pdf
DIMENSIONE
1,26 MB
AUTORE
Piero O. Rossi
Ristorantezintonio.it Per la città di Roma. Mario Ridolfi urbanista 1944-1954 Image

Leggi il libro di Per la città di Roma. Mario Ridolfi urbanista 1944-1954 direttamente nel tuo browser. Scarica il libro di Per la città di Roma. Mario Ridolfi urbanista 1944-1954 in formato PDF sul tuo smartphone. E molto altro ancora su ristorantezintonio.it.

DESCRIZIONE

Alla fine della seconda guerra mondiale Mario Ridolfi ritenne necessario occuparsi dei problemi relativi alla dimensione della città e del suo disegno complessivo. In quel momento, l'urgenza delle questioni urbane prevalse sui temi di natura architettonica e l'urbanistica tornò ad essere occasione di elaborazione culturale e di confronto politico. L'annullamento della dialettica democratica nella gestione delle politiche urbane durante i vent'anni del fascismo, le distruzioni provocate dai bombardamenti aerei e dall'essere stato il nostro Paese teatro di battaglie tra eserciti combattenti e di una guerra partigiana avevano infatti generato un groviglio di problemi estremamente complesso per affrontare il quale né i professionisti, né i dipendenti delle amministrazioni pubbliche apparivano adeguatamente attrezzati. Il Ridolfi urbanista richiamato nel titolo è quindi il Ridolfi meno noto, quello che nei dieci anni che vanno dal 1944 al 1954 - dalla fine della guerra al progetto delle torri di viale Etiopia - è impegnato a progettare, prima come architetto-urbanista e poi in sede politica, il futuro assetto della sua città.

Per La Città Di Roma. Mario Ridolfi Urbanista 1944 - 1954 ...

Scopri Per la città di Roma. Mario Ridolfi urbanista 1944-1954 di Piero O. Rossi: spedizione gratuita per i clienti Prime e per ordini a partire da 29€ spediti da Amazon.

Alla fine della seconda guerra mondiale Mario Ridolfi ritenne necessario occuparsi dei problemi relativi alla dimensione della città e del suo disegno complessivo. In quel momento, l'urgenza delle questioni urbane prevalse sui temi di natura architettonica e l'urbanistica tornò ad essere occasione di elaborazione culturale e di confronto politico. L'annullamento della dialettica democratica nella gestione delle politiche urbane durante i vent'anni del fascismo, le distruzioni provocate dai bombardamenti aerei e dall'essere stato il nostro Paese teatro di battaglie tra eserciti combattenti e di una guerra partigiana avevano infatti generato un groviglio di problemi estremamente complesso per affrontare il quale né i professionisti, né i dipendenti delle amministrazioni pubbliche apparivano adeguatamente attrezzati. Il Ridolfi urbanista richiamato nel titolo è quindi il Ridolfi meno noto, quello che nei dieci anni che vanno dal 1944 al 1954 - dalla fine della guerra al progetto delle torri di viale Etiopia - è impegnato a progettare, prima come architetto-urbanista e poi in sede politica, il futuro assetto della sua città.

Per la città di Roma. Mario Ridolfi urbanista 1944-1954 ...

POR_Per la città di Roma. Mario Ridolfi urbanista 1944-1954