Mente e bellezza. Arte, creatività e innovazione eBook

DATA
2010
NOME DEL FILE
Mente e bellezza. Arte, creatività e innovazione.pdf
DIMENSIONE
4,36 MB
AUTORE
Ugo Morelli
Ristorantezintonio.it Mente e bellezza. Arte, creatività e innovazione Image

Leggi il libro di Mente e bellezza. Arte, creatività e innovazione direttamente nel tuo browser. Scarica il libro di Mente e bellezza. Arte, creatività e innovazione in formato PDF sul tuo smartphone. E molto altro ancora su ristorantezintonio.it.

DESCRIZIONE

Rispetto al tempo profondo dell'evoluzione, da epoche recentissime abbiamo creato segni per un altro, mostrando di sentire quello che l'altro sente. Possiamo così riconoscere di aver elaborato la nostra distinzione biologico-evolutiva verso una fenomenologia in cui l'immaginazione e la creatività hanno un ruolo costitutivo e generativo. Non nella ricognizione e rappresentazione del reale consiste l'esperienza del creare e del conoscere, ma nella considerazione della realtà in quanto cifra, codice rinviante all'ulteriorità del senso, a cui l'incompiutezza di ogni esperienza e la mancanza rimandano, proponendo già l'oltre e il possibile. Nella rottura di ogni orizzonte in cui potrebbe concludersi, sta sia il compimento della chiarezza razionale del conoscere, che la sua generativa incompletezza creativa che rinvia al "non ancora". Fra tendenza alla semplificazione e tensione rinviante, si generano la creatività e la conoscenza, che sono possibili per la nostra continuità evolutiva originaria e le nostre caratteristiche emergenti, neurofenomenologicamente distintive.

Mente e bellezza. Arte, creatività, innovazione (scheda di ...

Villa Caldogno ospita una discussione intorno ai temi di "Mente e bellezza. Arte, creatività e innovazione" la ricerca di Ugo Morelli, Direttore scientifico del Master Paesaggio, Arti e Cultura della Trento School of Management, pubblicato da Umberto Allemandi & C., Torino 2010.

Rispetto al tempo profondo dell'evoluzione, da epoche recentissime abbiamo creato segni per un altro, mostrando di sentire quello che l'altro sente. Possiamo così riconoscere di aver elaborato la nostra distinzione biologico-evolutiva verso una fenomenologia in cui l'immaginazione e la creatività hanno un ruolo costitutivo e generativo. Non nella ricognizione e rappresentazione del reale consiste l'esperienza del creare e del conoscere, ma nella considerazione della realtà in quanto cifra, codice rinviante all'ulteriorità del senso, a cui l'incompiutezza di ogni esperienza e la mancanza rimandano, proponendo già l'oltre e il possibile. Nella rottura di ogni orizzonte in cui potrebbe concludersi, sta sia il compimento della chiarezza razionale del conoscere, che la sua generativa incompletezza creativa che rinvia al "non ancora". Fra tendenza alla semplificazione e tensione rinviante, si generano la creatività e la conoscenza, che sono possibili per la nostra continuità evolutiva originaria e le nostre caratteristiche emergenti, neurofenomenologicamente distintive.

Mente e bellezza. Arte, creatività e innovazione (Italiano ...

Il pensiero di Steve Jobs sulla creatività e il cambiamento. Video credit HRD.