Verona e il suo territorio nel Quattrocento. Studi sulla carta dell'Almagià eBook

DATA
2014
NOME DEL FILE
Verona e il suo territorio nel Quattrocento. Studi sulla carta dell'Almagià.pdf
DIMENSIONE
7,15 MB
AUTORE
Richiesta inoltrata al Negozio
Ristorantezintonio.it Verona e il suo territorio nel Quattrocento. Studi sulla carta dell'Almagià Image

Leggi il libro di Verona e il suo territorio nel Quattrocento. Studi sulla carta dell'Almagià direttamente nel tuo browser. Scarica il libro di Verona e il suo territorio nel Quattrocento. Studi sulla carta dell'Almagià in formato PDF sul tuo smartphone. E molto altro ancora su ristorantezintonio.it.

DESCRIZIONE

La grande carta del territorio veronese detta "dell'Almagià" (dal nome del geografo che per primo la studiò, nel 1923), costituisce uno dei più importanti monumenti cartografici "locali" del Quattrocento italiano. Realizzata su pergamena, raffigura la città di Verona e il suo territorio con le zone immediatamente circostanti: il lago di Garda, il Trentino meridionale, una parte del Mantovano. Fu voluta dal governo veneziano dopo il 1460 in un momento nel quale la Serenissima si stava rendendo conto che occorreva "conoscere" sino in fondo un territorio, per "governarlo" in modo efficace e per provvedere alla sua difesa. Gli elementi che caratterizzano il contesto geografico (montagne, corsi d'acqua, laghi, paludi, boschi) sono riprodotti con grande suggestione pittorica. Con altrettanta cura sono raffigurati nel paesaggio tutti i segni della presenza umana: il sistema delle strade, le fortificazioni, i borghi e i villaggi e inoltre, con grande ricchezza di particolari, la città di Verona.

PDF Verona e il suo territorio nel Quattrocento

Verona e il suo territorio nel Quattrocento. Studi sulla carta dell'Almagià. ... Realizzata su pergamena, raffigura la città di Verona e il suo territorio con le zone immediatamente circostanti: il lago di Garda, il Trentino meridionale, una parte del Mantovano.

La grande carta del territorio veronese detta "dell'Almagià" (dal nome del geografo che per primo la studiò, nel 1923), costituisce uno dei più importanti monumenti cartografici "locali" del Quattrocento italiano. Realizzata su pergamena, raffigura la città di Verona e il suo territorio con le zone immediatamente circostanti: il lago di Garda, il Trentino meridionale, una parte del Mantovano. Fu voluta dal governo veneziano dopo il 1460 in un momento nel quale la Serenissima si stava rendendo conto che occorreva "conoscere" sino in fondo un territorio, per "governarlo" in modo efficace e per provvedere alla sua difesa. Gli elementi che caratterizzano il contesto geografico (montagne, corsi d'acqua, laghi, paludi, boschi) sono riprodotti con grande suggestione pittorica. Con altrettanta cura sono raffigurati nel paesaggio tutti i segni della presenza umana: il sistema delle strade, le fortificazioni, i borghi e i villaggi e inoltre, con grande ricchezza di particolari, la città di Verona.

Verona e il suo territorio nel Quattrocento. Studi sulla ...

di verona La S.V. è invitata alla presentazione del volume Verona e il suo territorio nel Quattrocento Studi sulla carta dell'Almagià a cura di Stefano Lodi e Gian Maria Varanini (Cierre edizioni 2014) venerdì 17 ottobre 2014 alle ore 17 presso la sede dell'Accademia di Agricoltura Scienze e Lettere, via Leoncino 6, Verona Parole ...