Calpurnia. L'ombra di Cesare eBook

DATA
2015
NOME DEL FILE
Calpurnia. L'ombra di Cesare.pdf
DIMENSIONE
5,47 MB
AUTORE
Sonia Morganti
Ristorantezintonio.it Calpurnia. L'ombra di Cesare Image

Siamo lieti di presentare il libro di Calpurnia. L'ombra di Cesare, scritto da Sonia Morganti. Scaricate il libro di Calpurnia. L'ombra di Cesare in formato PDF o in qualsiasi altro formato possibile su ristorantezintonio.it.

DESCRIZIONE

Cresciuta nello stimolante ambiente della villa paterna ai piedi del Vesuvio, meta di intellettuali e artisti, all'età di diciotto anni Calpurnia viene scelta come moglie di Cesare, e deve imparare a conciliare discrezione e presenza, a essere al di sopra di ogni sospetto senza perdere se stessa. Dopo la partenza di Cesare per la Gallia, terribili prove aspettano Calpurnia, che capisce di dover agire sempre come se il marito fosse lì al suo fianco, di doverne anzi essere l'ombra a Roma: l'ombra perfetta della luce più brillante.

Calpurnia. L'ombra di Cesare: Amazon.it: Morganti, Sonia ...

"Calpurnia, l'ombra di Cesare", una donna destinata a vivere in silenzio le sorti di Roma Occhi azzurri come il mare che scrutano. Riccioli castani racchiusi in nastro chiaro, scomposti dal vento che ricopre la pelle, diafana, di minuscole gocce di schiuma salata.

Cresciuta nello stimolante ambiente della villa paterna ai piedi del Vesuvio, meta di intellettuali e artisti, all'età di diciotto anni Calpurnia viene scelta come moglie di Cesare, e deve imparare a conciliare discrezione e presenza, a essere al di sopra di ogni sospetto senza perdere se stessa. Dopo la partenza di Cesare per la Gallia, terribili prove aspettano Calpurnia, che capisce di dover agire sempre come se il marito fosse lì al suo fianco, di doverne anzi essere l'ombra a Roma: l'ombra perfetta della luce più brillante.

calpurnia l'ombra di cesare - Pagina 2

"Calpurnia. L'ombra di Cesare" di Sonia Morganti. L'autunno quell'anno pareva non voler arrivare. L'estate indugiava pigramente sulle campagne fertili e sui fianchi del monte Vesuvio, ancora verdissimi e appena velati da una leggera foschia.