Gesù. Perché parlava in parabole? eBook

DATA
2017
NOME DEL FILE
Gesù. Perché parlava in parabole?.pdf
DIMENSIONE
6,86 MB
AUTORE
Carlo Maria Martini
Ristorantezintonio.it Gesù. Perché parlava in parabole? Image

Leggi il libro di Gesù. Perché parlava in parabole? direttamente nel tuo browser. Scarica il libro di Gesù. Perché parlava in parabole? in formato PDF sul tuo smartphone. E molto altro ancora su ristorantezintonio.it.

DESCRIZIONE

Perché Gesù parlava in parabole? È questa la domanda da cui muovono le riflessioni raccolte in questo volume. Il cardinale Carlo Maria Martini si interroga sulle parabole, sulla loro attualità in un'epoca come la nostra che ormai non ne fa più uso e in cui «il parlare di Dio è stentato, fiacco, oscillante». Immediato ma profondo, concreto ed evocativo, Martini si sofferma prima sullo stile comunicativo di Gesù, poi verso ciò che il dire in parabole significhi oggi per noi, per la nostra esistenza, per il nostro modo di parlare di e con Dio. Esse conferiscono alla nuda parola «la potenza di un ariete che demolisce il bersaglio attraverso il coinvolgimento e non con un colpo diretto». Nel ripercorrere le numerose parabole evangeliche, Martini invita il lettore a imparare a guardare il mondo come Cristo per imitarlo, per situarsi dal punto di vista della croce, per «guardare il mondo avendo capito qualcosa della misericordia seria del Padre».

Sai cosa sono le Parabole? Perché Gesù le raccontava?

Perché Gesù parlava in parabole? Può sembrare una domanda semplicistica, oppure un problema di esegesi; invece ce molto di più. Il libro del cardinal Carlo Maria Martina, Gesù.Perché parlava inparabole, presenta una riflessione sul senso dell'utilizzo di questo stile da parte di Gesù e si sofferma a meditare, nello stile ben noto del Martini, alcune delle parabole fondamentali dei ...

Perché Gesù parlava in parabole? È questa la domanda da cui muovono le riflessioni raccolte in questo volume. Il cardinale Carlo Maria Martini si interroga sulle parabole, sulla loro attualità in un'epoca come la nostra che ormai non ne fa più uso e in cui «il parlare di Dio è stentato, fiacco, oscillante». Immediato ma profondo, concreto ed evocativo, Martini si sofferma prima sullo stile comunicativo di Gesù, poi verso ciò che il dire in parabole significhi oggi per noi, per la nostra esistenza, per il nostro modo di parlare di e con Dio. Esse conferiscono alla nuda parola «la potenza di un ariete che demolisce il bersaglio attraverso il coinvolgimento e non con un colpo diretto». Nel ripercorrere le numerose parabole evangeliche, Martini invita il lettore a imparare a guardare il mondo come Cristo per imitarlo, per situarsi dal punto di vista della croce, per «guardare il mondo avendo capito qualcosa della misericordia seria del Padre».

GESÙ PARLAVA IN PARABOLE "PER NON FARSI CAPIRE" | Libertà ...

Per questo Gesù parla in parabole, per rispettare appunto la libertà dei suoi ascoltatori: a chi ha il cuore indurito non servirebbe parlare più chiaramente, perché - come è successo - si può giungere perfino a negare l'evidenza, come abbiamo prima ricordato da parte dei farisei, che accusano Gesù di operare in nome di Beelzebul!