L' industria. Rivista di economia e politica industriale (2015). Vol. 2 eBook

DATA
2015
NOME DEL FILE
L' industria. Rivista di economia e politica industriale (2015). Vol. 2.pdf
DIMENSIONE
4,71 MB
AUTORE
Richiesta inoltrata al Negozio
Ristorantezintonio.it L' industria. Rivista di economia e politica industriale (2015). Vol. 2 Image

Leggi il libro di L' industria. Rivista di economia e politica industriale (2015). Vol. 2 direttamente nel tuo browser. Scarica il libro di L' industria. Rivista di economia e politica industriale (2015). Vol. 2 in formato PDF sul tuo smartphone. E molto altro ancora su ristorantezintonio.it.

DESCRIZIONE

L’industria è una delle più antiche riviste italiane di economia. Nata a Milano nel 1886, circa un secolo più tardi si fonde con la Rivista di economia e politica industrialefondata da Romano Prodi. Si propone come luogo di dibattito sui grandi temi dell’economia e della politica industriale. La rivista segue tre filoni di analisi: le industrie, i mercati, le politiche, dedicando molto spazio, oltre che alle esperienze del nostro paese, a quelle europee, a quelle dei paesi a consolidata industrializzazione e a quelle delle nuove realtà emergenti.

Rivisteweb: Journal Details

Un punto di vista scientifico e alternativo su sviluppo, ambiente, lavoro e mercati - Direttore Riccardo Realfonzo

L’industria è una delle più antiche riviste italiane di economia. Nata a Milano nel 1886, circa un secolo più tardi si fonde con la Rivista di economia e politica industrialefondata da Romano Prodi. Si propone come luogo di dibattito sui grandi temi dell’economia e della politica industriale. La rivista segue tre filoni di analisi: le industrie, i mercati, le politiche, dedicando molto spazio, oltre che alle esperienze del nostro paese, a quelle europee, a quelle dei paesi a consolidata industrializzazione e a quelle delle nuove realtà emergenti.

PDF Rivista Di Economia E Politica Dei Trasporti

"L'industria" è una delle più antiche riviste italiane di economia. Nata a Milano nel 1886, circa un secolo più tardi si fonde con la Rivista di "economia e politica industriale" fondata da Romano Prodi. Si propone come luogo di dibattito sui grandi temi dell'economia e della politica industriale.